Live Report

Immagine del live report.
05.04.2017 Frank Turner + Sam Duckworh @ Locomotiv Club, Bologna

Interrompiamo la monotonia della settimana con un bel concerto al Locomotiv Club di Bologna: è mercoledì sera e Frank Turner e Sam Duckworth ci aspettano nel locale situato all’interno del Parco del Dopolavoro Ferroviario del capoluogo emiliano per quella che sarà la loro unica data italiana.
Conosciuto già da alcuni anni con il moniker di Get Cape. Wear Cape. Fly, il musicista di Southend ha recentemente pubblicato, via Xtra Mile Recordings, la stessa etichetta anche di Turner, un nuovo album, “Kingdoms”.
Da sempre molto impegnato nel sociale, Sam è da solo sul palco e nel suo set di circa una mezz’oretta propone alcuni brani fatti di chitarra e voce.
Poco dopo, verso le dieci e tre quarti ecco salire sul palco della venue felsinea Frank Turner per la sua prima presenza nella città della Torre Degli Asinelli: il musicista nativo del Bahrain ha realizzato nel 2015 il suo sesto album solista, “Positive Songs For Negative People”, e lo scorso anno l’EP “Mittens”.
Questo tour lo vede impegnato da solo, anche lui accompagnato solamente dalla sua sei corde, ma non per questo verranno mai meno la sua grinta e la sua energia.
Come dimostra sin da subito l’iniziale Get Better, anche senza ulteriore accompagnamento strumentale, Turner riesce a conquistare il suo pubblico: il livello di esaltazione è estremamente elevato e la gente incomincia a cantare e saltare immediatamente.
Anche quando, come in The Road, l’atmosfera è più riflessiva e l’andatura più pacata, il supporto e l’handclapping da parte dei presenti non verranno mai a mancare.
Dopo una versione di Eulogy tradotta appositamente in italiano, The Next Storm, pur senza premere sull’acceleratore, fa cantare tutta la sala del Locomotiv Club.
Il pubblico emiliano è conquistato: dalla violenza punk di Four Simple Words alla nostalgia di casa presente in Wessex Boy ogni singolo momento è apprezzato dalla folla bolognese.
Ancora una parte malinconica e riflessiva con, tra le altre, Glorious You e The Ballad Of Me And My Friends, poi c’è spazio anche per un nuovo pezzo, 1933: molto passionale, questo brano farà parte del suo prossimo LP, attualmente in lavorazione.
Try This At Home porta ancora una volta l’aggressività in primo piano con il suo combat-folk, mentre Mittens, qui in una versione molto più lenta di quella sua originale, ha una melodia perfetta e ci regala attimi di tranquillità totale.
Somebody To Love dei Queen è un inno vero e proprio, mentre I Still Believe chiude la serata, dopo poco meno di cento minuti, lasciando i fan bolognesi nel totale delirio.
Una serata meravigliosa che ci ha dimostrato perché Frank Turner sia riuscito a raggiungere certe vette, grazie al suo apprezzato songwriting e a quella sua anima punk, che ce lo faranno amare sempre e comunque: anche in versione solo la sua esibizione è stata un successo.


Frank Turner Setlist Locomotiv Club, Bologna, Italy 2017 Edit this setlist | More Frank Turner setlists

Embed



  • Contenuti multimediali

Nessun contenuto multimediale disponibile.


  • Galleria

Nessuna immagine disponibile.