Recensione - Against Me! - Shape Shift With Me

  • Tracklist :
    01 - Provision L-3
    02 - 12:03
    03 - Boyfriend
    04 - Crash
    05 - Delicate Petite & Other Things I'll Never Be
    06 - 333
    07 - Haunting Haunted Haunts
    08 - Dead Rats
    09 - Rebecca
    10 - Norse Truth
    11 - Suicide Bomber
    12 - All This (And More)
  • Punteggio :
  • Artista :
    Against Me!
  • Stato/Regione :
    Stati Uniti
  • Data di pubblicazione :
    12 Aprile 2017
  • Prodotto da :
    Total Treble
  • Social dell'artista :
  • Social dell'etichetta :

Se la gestazione di “Transgender Dysphoria Blues” era stata molto lunga, travagliata e laboriosa, lo stesso non si può dire per questo “Shape Shift With Me” che gli Against Me! hanno fatto uscire lo scorso settembre, a poco più di un anno e mezzo dal precedente (ed in mezzo è uscito pure il live “23 Live Sex Acts”).
In compenso ci ho messo io una vita per recensirlo, vuoi perchè i primi ascolti mi avevano davvero deluso, vuoi perchè il formato (doppio vinile bianco, con soli 3 pezzi per lato) non è certo comodissimo.
Dopo la grande rottura di “Transgender Dysphoria Blues” e dopo aver rivisto e risentito la band dal vivo (dove molti pezzi ormai sono riarrangiati spesso in maniera molto diversa dall'originale) temevo molto per la piega che avrebbero potuto prendere, ma in fin dei conti questo “Shape Shift With Me” non mi dispiace troppo, anche se rimane senza alcun dubbio l'album meno bello degli Against Me!.
L'inizio mi convince poco, anche se pezzi come Boyfriend o Crash sono fatti ad arte per piacere ad un pubblico “meno punk rock” e sono certo che entreranno nella setlist della band, allo stesso modo la fine, con un paio di brani oscuri e “difficili” (Norse Truth e Suicide Bomber) ed una conclusiva All This (and More) che vorrebbe forse essere una nuova We Laugh at Danger ma che onestamente non la avvicina manco con il binocolo.
Nel mezzo però c'è tanta sostanza, tanta roba buona spalmata nei 5 pezzi centrali del disco: Delicate, Petite & Other Things I'll Never Be dalle atmosfere alla “Searching For a Former Clarity”, Haunting, Haunted, Haunts e Dead Rats con dei bagliori che portano anche più indietro nel tempo e soprattutto 333 e Rebecca, pezzi secondo me meglio riusciti di tutto il disco: il primo con un ritornello alla Against Me! vecchio stampo, il secondo semplicemente sprigiona quel punk rock che vorrei sentire per tutto il disco.
“Shape Shift With Me” è il primo album che non rappresenta una vera rottura, sia a livello musicale che a livello di contenuti: è probabile che ascoltandolo possa venire nostalgia (rimpianto?) per ciò che gli Against Me! erano un tempo.

Embed



  • Contenuti multimediali

Nessun contenuto multimediale disponibile.


  • Galleria

Nessuna immagine disponibile.