Recensione - Franz Ferdinand - Always Ascending

  • Tracklist :
    01 - Always Ascending
    02 - Lazy Boy
    03 - Paper Cages
    04 - Finally
    05 - The Academy Award
    06 - Lois Lane
    07 - Huck And Jim
    08 - Glimpse Of Love
    09 - Feel The Love Go
    10 - Slow Don’t Kill Me Slow
  • Punteggio :
  • Artista :
    Franz Ferdinand
  • Stato/Regione :
    Regno Unito
  • Data di pubblicazione :
    15 Febbraio 2018
  • Prodotto da :
    Domino
  • Social dell'artista :
  • Social dell'etichetta :
    Nessun profilo social inserito.

Chi vi scrive non ha mai nascosto una certa insofferenza e dubbio circa gli annunci di svolta elettronica per una più classica guitar band, parto dunque già col freno tirato ad ascoltare il nuovo album dei Franz Ferdinand che sia nell'annuncio, che nella produzione di Philippe Zdar, dicono di voler guardare verso nuovi mondi finora inesplorati.

Da un certo punto di vista ci si può tranquillizzare perché i Franz Ferdinand non cambiano il proprio universo di riferimento, "Always Ascending" suona esattamente come un disco dei Franz Ferdinand, nelle note e nello stile, a cui viene aggiunto qualche synth qui e là. Dall'altra parte però è proprio la presenza del synth a confermare come una sorta di tappeto sotto cui nascondere la sostanziale mancanza di idee e soprattutto di brani, perchè in questo album i Franz mancano in quello che deve essere il loro unico punto di arrivo: creare hit che fanno muovere il piede.

Naturalmente pensare che si possano trovare nel cassetto altre This Fire, Do You Want To o No You Girls è difficile, ma lo scorso "Right Thoughts" tutto sommato qualche pezzo discreto lo aveva, mentre qui davvero si fa fatica a giudicare il lavoro. Lazy Boy non è male, è una discreta b-side di una b-side del debut album, a cui però vengono tarpate le ali togliendo le chitarre e mettendo una tastiera troppo invasiva, la title track è orecchiabile con il suo intro in crescendo e la svolta tra funk e pop con una certa strizzata d'occhio ai Chk Chk Chk, ma tra tutte quella che alla fine piace di più è Huck and Jim , sorprendente power-pop melodico dove i synth restano fortunatamente in cantina.

"Always Ascending" è un disco che insomma non suona come l'annunciata svolta promessa e finisce per essere una sorta di incompiuta nel quale l'assenza di Nick McCarthy si fa sentire tremendamente.

Embed



  • Contenuti multimediali

  • Galleria

Nessuna immagine disponibile.